WEBulli

WEBulli

Anna ha 14 anni, fa le superiori in una cittadina alle porte di Milano. Ha una migliore amica, ha anche un ragazzo. È carina, è popolare.
Un giorno si fa un video. Lo fa per il suo fidanzato. Ma quel video inizia a saltare da uno schermo all’altro, non tornerà più indietro.
Il bullismo a scuola c’è sempre stato, come anche il bisogno di farsi notare.
Ma come sono cambiati oggi questi fenomeni tra social network e nuove tecnologie?
Oggi gli “schiaffi” sono diventati intangibili, sono video pubblicati online, messaggi anonimi, foto rubate, false identità. Fisicamente fanno meno male, ma quanto feriscono nell’anima?

Confessioni intime e la propria immagine sono diffusi sul web spesso senza filtro e, a volte, senza consapevolezza delle possibili conseguenze.
WEBulli indaga i fenomeni di cyberbullismo e sexting, ossia gli atti di bullismo e molestia e lo scambio di contenuti espliciti di carattere sessuale effettuati tramite i nuovi media digitali.
Il video si incrocia con il teatro diventando elemento fondamentale in scena, fungendo da scenografia, da scansione temporale degli eventi e da parte integrante della narrazione.

credits

di e con Serena Facchini ed Ermanno Nardi
supervisione drammaturgica e registica Renata Ciaravino
progetto video Elvio Longato
produzione Elea Teatro/Industria Scenica,
con il supporto produttivo di Next Laboratorio delle Idee – Regione Lombardia
con il sostegno di Fondazione della Comunità Bresciana, Fondazione ASM
con il patrocinio di Amnesty International Italia

Spettacolo finalista al FIT Festival Internazionale del Teatro/Fringe L’altroFestival di Lugano 2014
Spettacolo selezionato per InScena! Italian Theater Festival di New York 2015
Spettacolo semifinalista InBox Verde 2017
Spettacolo vincitore del Bando Teatro delle Differenze 2018

target: 

a partire dagli 11 anni, scuole secondarie di primo e secondo grado, insegnanti, educatori, genitori, pubbliche amministrazioni

tag/parole chiave: 

cyberbullismo, sexting, cyberstupidity, spettacolo teatrale, teatro, prosa, teatro ragazzi